Come è fatta l''acquaGlossario dei termini dell''acqua

Igiene e sicurezza degli alimentiGlossario alimentareOrganizzazione della cucinaGlossario di cucinaRistorazione collettiva

Come e perchèPrevenzione degli infortuni nelle pulizieH.A.C.C.PPulizia, il valore aggiunto che fà la differenza

Igiene e sanificazione ambientaleGlossario di igiene e sanificazione ambientale

Insalata di riso con verdure di stagione

Home Igiene e sicurezza degli alimenti Alimenti surgelati

Un cenno particolare meritano i surgelati che offrono prodotti validi sia dal punto di vista nutrizionale che igienico purché l''alimento di partenza sia di buona qualità, surgelato con tecniche adeguate e la sua conservazione, dal luogo di produzione a quello di consumo, sia effettuata in modo corretto. Occorre ricordare che il processo di surgelazione può essere effettuato esclusivamente presso laboratori di produzione autorizzati. E'' molto importante che il trasporto degli alimenti surgelati sia effettuato in condizioni tali che la temperatura, in ogni punto del prodotto, non sia mai superiore ai -18°C . All''atto del ricevimento delle merci è opportuno controllare la consistenza e la forma del prodotto. Le attrezzature frigorifere, anche al piano di massimo carico, devono mantenere la temperatura costante. Gli apparecchi a pozzo devono portare all''interno una chiara indicazione della linea di massimo carico, che non deve essere superata. Le celle di conservazione devono essere munite di termometri tarati e posizionati in modo da garantire la massima visibilità. Le celle dovranno essere messe in posizioni tali da non essere esposte a raggi del sole o ad altre fonti di calore. Quando non è possibile procedere alla cottura dell''alimento ancora congelato, è preferibile che il processo di scongelamento avvenga a temperatura di frigorifero, anche se richiede più tempo dello scongelamento a temperatura ambiente. Occorre infatti ricordare che l''esposizione dell''alimento a temperatura ambientale, anche per tempi relativamente brevi, rende possibile la rapida ripresa della moltiplicazione dei batteri che il processo di surgelazione aveva bloccato, ma non eliminato.

Il nostro corpo necessita di una certa varietà e quantità di sostanze nutritive; possiamo esemplificare il concetto suddividendole per gruppi: Le proteine, i carboidrati, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e le fibre. L’assunzione nella giusta misura di tutti questi elementi risulta fondamentale per il buon funzionamento del nostro organismo; partiamo dalle più importanti, ovvero le proteine, che sono alla base delle nostre strutture cellulari, membrane incluse; proseguendo con i carboidrati ci accorgiamo che rappresentano le maggiori risorge energetiche per il nostro corpo; poi ci sono i grassi, o lipidi, che per lo più sono adibiti alla funzione di riserva energetica, rendendosi fruibili all’occorrenza; per le vitamine, in alcuni casi autoprodotte dal nostro organismo, c’è bisogno di una costante introduzione attraverso il cibo, anche in considerazione del fatto che queste vanno ad interagire con importanti processi chimici, all’interno delle cellule.

Per il mantenimento strutturale delle cellule stesse, rivestono grande importanza invece i sali minerali, denti e ossa, ad esempio, traggono i maggiori benefici attraverso l’assunzione del calcio, così come di fondamentale rilevanza è la presenza di ferro per una corretta produzione di emoglobina, e di sodio per il nostro cervello. Infine ci sono le fibre, presenti in frutta fresca, verdura, legumi ecc., utilissime per facilitare tutto il processo digestivo. Il giusto mix, come descrivevamo all’inizio, è quello che quotidianamente richiede la complessa macchina umana di cui siamo, volenti o nolenti, i piloti; la benzina, l’olio, la manutenzione programmata, e tutto ciò che riguarda il mantenimento di un’automobile, possono aiutarci a ricordare, facendo un parallelo nemmeno troppo azzardato, che un buon motore ed una buona carrozzeria vanno alimentati e preservati, nei modi, nelle dosi, e nei tempi giusti; solo così si potranno ottenere le migliori prestazioni possibili.

Tenendo bene a mente questo concetto, oggi i passi avanti fatti nel campo dell’alimentazione, e della farmaceutica, vengono incontro anche a tutti coloro i quali hanno, per così dire, dei gusti un po’ difficili; quindi se qualcosa di necessario al nostro corpo, siamo abituati a vederla solo in alcuni alimenti, cerchiamo semplicemente di informarci meglio, e ci sorprenderemo nel trovarla sotto altre forme, e magari con gusti a noi consoni. Approfittare del progresso per arricchire la nostra dispensa, e colmare le lacune della nostra dieta, non significa evitare le visite dal medico, ma semplicemente andarci con la consapevolezza di fare ogni giorno qualcosa di utile per noi stessi; nei tempi antichi si diceva che l’uomo era ciò che mangiava, mai frase fu più vera e sempre di attualità.